1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Rete Rurale Nazionale
Home Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ENRD Stampa Iscriviti alla newsletter RSS Feed Vai al sito in inglese Twitter Facebook Youtube
RRn
 
Cos' la RRN
AREE TEMATICHE
ARCHIVI
SERVIZI
 

Contenuto della pagina

GAL Meridaunia

Logo manifestazione

Festa del Grano: un altro record

Comunicato Stampa dell'Associazione Culturale & Turistica A.c.t! Monti Dauni

Migliaia di visitatori e un Acquasale che ha raggiunto i 56 metri di lunghezza
TROJA - un altro bagno di folla quello che ha vissuto Troja nella seconda edizione della "Festa del Grano". Visitatori giunti da tutta la regione hanno gustato l'atmosfera e i sapori di un tempo in un centro storico di Troja trasformato per una notte in una grande aia di campagna. Il grano naturalmente l'ha fatta da padrone: in mattinata stato mietuto con le falci sui campi di Bovino, in una festosa atmosfera di canti, balli e assaggi di prodotti tipici, alla presenza dell'assessore regionale Elena Gentile, del Sindaco di Troia Edoardo Beccia, del presidente del GAL Meridaunia Alberto Casoria, del direttore provinciale della Coldiretti Giorgio Donnini e della presidente dell'Associazione Grano Duro di Puglia Sen. Cappelli, Lucia Di Domenico.
Una volta mietuto e legato in molteplici "gregne", il grano stato poi trebbiato a Troja nel pomeriggio dai cavalli dell'agriturismo Montaratro, poi molito con le antiche macine in pietra de "lo moleno" del Ponte di Bovino e le "macine d'arte" dello scalpellino Francesco Ciarmoli e infine impastato a mano da esperte massaie e dai giovani del circolo Ambaradam che hanno organizzato anche quest'anno un corso di pasta fatta in casa. Nel frattempo in molti hanno potuto vedere all'opera gli svecciatoi, gli aratri e i tanti attrezzi agricoli antichi portati in piazza dalla Coldiretti, dall'Agriturismo S. Paolo, dall'associazione "A Crap z' Sciot" di S. Marco La Catola e dalle imprese cerealicole locali: Casoli, Romano e Guadagno, presenti piazza insieme a Timac e Syngenta.
In serata sono state le flagranze del percorso enogastronomico a catturare l'attenzione delle migliaia di visitatori: il sapore di cicatelli, orecchiette e trofie fornite da "Antichi Sapori" di Deliceto realizzate con la farina sen. Cappelli e la farina di farro dei Molini De Vita di Casalnuovo. Insomma un lavoro di squadra targato "Monti Dauni" anche nella scelta dei prodotti del percorso enogastronomico. E i Monti Dauni echeggiano anche nelle note del concerto folk notturno dei Tarantula Garganica ai piedi della Cattedrale: nel nuovo disco "Nda nu litte d'amore" presentato a Troja, infatti, si rievocano anche antichi canti della tradizione popolare del nostro entroterra montano.
Record di presenze, insomma, ma anche e soprattutto record gastronomici: il lunghissimo Acquasale che si sviluppava lungo tutto il centro storico ha battuto abbondantemente il record dello scorso anno fissandosi a 56 metri netti. Chili e chili di pane sapientemente cotti dall'antico forno Rosiello di Troja, un forno storico della cittadina preappenninica.  Per realizzare la struttura di supporto del "mega-acquasale" sono state necessarie circa 100 balle di paglia dell'agriturismo Fattoria Giuntoli e quasi 60 metri di assi di legno della dita Edil Intiso. E per condirlo ci sono voluti oltre 30 chili di pomodori, 5 chili di cipolla rossa, 500 grammi di origano e sale e 15 litri di olio extravergine di oliva.
L'impresa sarebbe stata  impossibile senza la collaborazione volontaria e gratuita di decine di giovani, delle associazioni, delle imprese e degli enti locali. Un altro esempio che dimostra come la collaborazione tra imprese, enti locali e associazioni di tutti i Monti Dauni pu produrre risultati importanti per tutto il territorio. E l'anno prossimo si fa tris, con un nuovo record.

 
 

Per ulteriori informazioni: