1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Rete Rurale Nazionale
Home Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ENRD Stampa Iscriviti alla newsletter RSS Feed Vai al sito in inglese Twitter Facebook Youtube
RRn
 
Cos'Ŕ la RRN
AREE TEMATICHE
ARCHIVI
SERVIZI
Programmazione
 

Contenuto della pagina

PSR Sardegna e Toscana: approvati a Bruxelles i primi due programmi italiani modificati come seguito dell' Health Check e del Recovery Package

Il Comitato sviluppo rurale della Commissione europea, nella seduta del 21 ottobre 2009, ha approvato i Programmi di sviluppo rurale (Psr) delle Regioni Sardegna e Toscana, modificati per tener conto delle recenti riforme riguardanti la Politica agricola comune (Pac) e la strategia europea anticrisi, portate a termine nel corso del 2009.
L'approvazione dei Psr rende pienamente disponibili ulteriori 37 milioni di euro di fondi pubblici per la Toscana e 39 milioni per la Sardegna, che saranno utilizzati, principalmente, per attuare le cosiddette "Nuove sfide" dello sviluppo rurale: misure di accompagnamento alla ristrutturazione del settore lattiero-caseario, sviluppo energie rinnovabili, tutela della biodiversitÓ, mitigazione dei cambiamenti climatici, gestione delle acque e diffusione della connessione internet a banda larga nelle aree rurali.
In particolare la Sardegna concentrerÓ la maggior parte delle proprie risorse aggiuntive (circa 12 milioni di euro) per interventi finalizzati al miglioramento ed alla modernizzazione delle infrastrutture irrigue nonchÚ per misure atte a favorire investimenti per la produzione di biogas ed energia da altre fonti rinnovabili (circa 7 milioni di euro). Inoltre, quasi 11 milioni di euro saranno utilizzati per interventi a sostegno della diffusione della banda larga nelle aree rurali della Regione.
Le risorse finanziarie addizionali della Toscana saranno allocate, principalmente, nelle seguenti prioritÓ: azioni di prevenzione contro gli incendi boschivi e altre calamitÓ naturali legate al cambiamento climatico (circa 8,5 milioni di euro), interventi per la realizzazione e la modernizzazione dei sistemi di distribuzione e conservazione delle acque (circa 9 milioni di euro), interventi infrastrutturali per la diffusione della banda larga (6,6 milioni di euro). In minor misura, saranno realizzati interventi a tutela della biodiversitÓ e per il  rilancio della competitivitÓ del settore lattiero - caseario.
I Programmi delle altre Regioni, in fase di esame da parte della Commissione europea, saranno approvati nei prossimi mesi, in modo da completare il quadro di riforma derivante dall'Health Check della Pac che porterÓ allo sviluppo rurale italiano un aumento complessivo di risorse pubbliche di oltre 1.156 milioni di euro.  
Per ogni ulteriore informazione, Ŕ possibile visitare la sezione sviluppo rurale del sito www.politicheagricole.gov.it ed il sito www.reterurale.it che dedicano ampio spazio alla programmazione dello sviluppo rurale, con approfondimenti per tutti i programmi e per tutti gli Stati membri.