1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Rete Rurale Nazionale
 
Home Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ENRD

Contenuto della pagina

Requisiti minimi relativi all'uso dei prodotti fitosanitari (RM Fit)

 

A chi si applica

Tali requisiti si applicano solo alle aziende che aderiscono alle misure agro-climatico-ambientali e sull'agricoltura biologica ai sensi, rispettivamente, dell'art. 28 e dell'art. 29 del Reg. (CE) n. 1305/2013 e alla misura 214 "Pagamenti agroambientali" di cui all'art. 39 del Reg. CE n. 1698/2005.

 

Impegni a carico dell'azienda

Oltre agli impegni definiti dal criterio CGO 10, le aziende devono:

  1. sottoporre almeno una volta tutte le attrezzature, impiegate per uso professionale, ai controlli funzionali presso centri di prova riconosciuti ed entro le scadenze individuate dal Decreto n. 4847 del 3 marzo 2015. Le attrezzature nuove, acquistate dopo il 26 novembre 2011, devono essere sottoposte al primo controllo funzionale entro 5 anni dalla data di acquisto;
  2. dimostrare di conoscere i principi generali della difesa integrata tramite il possesso di documenti relativi alle basi informative disponibile (es. bollettino fitosanitario). Nel caso in cui non sia presente alcuna rete di monitoraggio fitosanitario, le aziende devono assolvere a tale impegno ricorrendo ad un apposito servizio di consulenza, messo a disposizione dalle Regioni e dalle Province autonome;
  3. rispettare le specifiche disposizioni d'uso dei prodotti fitosanitari vicino ai corpi d'acqua o altri luoghi sensibili, conformemente alla legislazione vigente.
 

Esclusioni o deroghe

Non previste

 

Intervento delle Regioni o delle Province autonome

Regioni e Province autonome possono specificare con propri provvedimenti gli impegni applicabili a livello dell'azienda agricola. In assenza dei provvedimenti di Regioni e Province autonome si applicano gli impegni sopra indicati.

 

Conformità

 
Clicca per ingrandire

Controlli funzionali

Il controllo funzionale dell'irroratrice deve essere effettuato solo presso un Centro Prova autorizzato dalla Regione (officina; costruttore; commerciante di irroratrici; professionista privato; una associazione dei produttori).Il controllo deve inoltre essere eseguito nel rispetto di precisi standard e procedure, definiti a livello nazionale, e registrare le operazioni di controllo effettuate nel apposito Rapporto di prova. Al termine del controllo, se con esito positivo, viene rilasciato al titolare dell'irroratrice un Attestato di funzionalitÓ.

 
 
Clicca per ingrandire

Difesa integrata obbligatoria

Gli  utilizzatori  professionali  di  prodotti  fitosanitari, applicano  i  principi  generali  della difesa integrata obbligatoria. La  difesa integrata  obbligatoria  prevede:
- applicazione   di   tecniche   di prevenzione e di monitoraggio delle infestazioni e  delle  infezioni;
- utilizzo di mezzi biologici di controllo dei parassiti;
- ricorso a  pratiche  di  coltivazione  appropriate;
- uso   di   prodotti fitosanitari che presentano il minor rischio per la  salute  umana  e l'ambiente.

 
Clicca per ingrandire

Utilizzatori professionali

Gli utilizzatori professionali di prodotti fitosanitari dimostrano la conoscenza dei principi generali della difesa integrata obbligatoria.

 
 

Normativa di riferimento

  • Testo Unico Ambientale (D.Lgs. n. 152/2006).
  • Decreto Legislativo 14 agosto 2012, n. 150 recante: "Attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi".
  • Decreto MiPAAF 22 gennaio 2014 recante "Adozione del Piano di azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, ai sensi dell'articolo 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012".