1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Rete Rurale Nazionale
Home Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ENRD Stampa Iscriviti alla newsletter RSS Feed Vai al sito in inglese Twitter Facebook Youtube
RRn
 
Cos'Ŕ la RRN
AREE TEMATICHE
ARCHIVI
SERVIZI
Ambiente
 

Contenuto della pagina

Linee guida per la gestione agricola ambientale partecipata delle risorse naturali, della biodiversità e del paesaggio attraverso organismi collettivi territoriali

Obiettivo delle linee guida

Queste linee guida alla gestione collettiva di tipo partecipativo delle azioni finanziabili all'interno della Misura 10 "Pagamenti Agro-Climatico-Ambientali" (art.28 del Reg. UE 1305/2013) dei nuovi Piani di Sviluppo Rurale hanno lo scopo di fornire, a coloro che sono direttamente coinvolti negli organismi collettivi che intendono gestire tali azioni, alcuni strumenti e suggerimenti pratici per predisporre e attuare un Progetto di gestione collettiva e partecipata in diversi contesti e secondo le modalitÓ pi¨ appropriate alla situazione socio-istituzionale e ambientale locale.

La guida fa riferimento al nuovo quadro normativo della Misura 10, che prevede la possibilitÓ di avere beneficiari collettivi e sostiene i costi che derivano da una tale gestione attraverso un incremento dei costi di transazione legati all'attuazione degli impegni agro-climatico ambientali. Tuttavia, vengono illustrate brevemente anche le diverse possibilitÓ offerte dalla nuova Politica Agricola Comune a sostegno di progetti di gestione sostenibile, collettiva e anche partecipata del territorio e dell'ambiente, da parte di agricoltori e altri soggetti gestori di fondi agricoli in particolare dalla nuova Misura 16 "Cooperazione" introdotta nei Piani di Sviluppo Rurale dal Regolamento (UE) 1305/2013 art. 35.

I destinatari principali delle linee guida sono principalmente coloro che intendono implementare le misure agro-climatico-ambientali attraverso un soggetto collettivo e con una partecipazione da parte dei potenziali beneficiari anche nella definizione degli impegni. Il documento fa comunque riferimento anche ai possibili percorsi che possono portare a un tale risultato attraverso situazioni intermedie che possono costituire importanti esperienze di gestione collettiva e partecipata senza un'iniziale responsabilitÓ diretta di un soggetto intermedio, con tutte le conseguenze giuridico amministrative che questo comporta (contratti con i beneficiari, sistema di controllo e monitoraggio, ecc.).

Le linee guida dovrebbero comunque essere utili anche per le AutoritÓ di Gestione (AdG) e gli altri soggetti che partecipano a diverso titolo alla gestione del territorio e delle sue risorse naturali mobilitate nei processi agricoli, offrendo loro una migliore comprensione di alcune questioni chiave cui i soggetti coinvolti devono far fronte in un progetto di gestione collettiva e partecipata delle misure agro-climatiche-ambientali (ACA) e pi¨ in generale dell'ambiente. á