1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Rete Rurale Nazionale
Home Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ENRD Stampa Iscriviti alla newsletter RSS Feed Vai al sito in inglese Twitter Facebook Youtube
RRn
 
Cos'Ŕ la RRN
AREE TEMATICHE
ARCHIVI
SERVIZI
 

Contenuto della pagina

29/10/2014  

Accordo di partenariato, Mipaaf: con l'adozione da parte della Commissione Europea si avvia la programmazione 2014-2020 dello sviluppo rurale

La Commissione europea ha adottato l'"Accordo di partenariato" con l'Italia stabilendo la strategia per l'utilizzo dei fondi strutturali e di investimento europei. L'accordo di oggi apre la strada a 42 miliardi di euro di cui 31 miliardi per la politica di coesione, 10,4 miliardi per lo sviluppo rurale e 537 milioni per la politica marittima e della pesca.Grazie al cofinanziamento nazionale nell'ambito dello sviluppo rurale saranno disponibili 20,8 miliardi di euro e 1 miliardo per la pesca. La strategia punta a promuovere la competitivitÓ del settore attraverso l'innovazione e l'attenzione ad un'agricoltura sostenibile, giovane, rispettosa dell'ambiente e custode del territorio. Sono stati posti in campo anche risorse per lo sviluppo delle aree rurali puntando sulla banda ultralarga.Per la competitivitÓ del settore agricolo saranno disponibili il 44,3% delle risorse, per la tutela delle risorse ambientali il 40,7%, per lo sviluppo delle aree rurali il 12,2% mentre per l'assistenza tecnica, che dovrÓ essere utilizzata per migliorare la capacitÓ amministrativa nella gestione dei fondi, il 2,8%. Con l'adozione dell'Accordo di partenariato si pongono le basi per chiudere rapidamente il negoziato sui programmi di sviluppo rurale e rendere disponibili le risorse ai potenziali beneficiari. "L'Accordo di partenariato Ŕ uno strumento cruciale e centrale per le nostre attivitÓ. ╚ una risorsa fondamentale per il comparto agricolo, agroalimentare e per la pesca nel nostro Paese. Ora abbiamo un grande obiettivo: spendere meglio le risorse che abbiamo a disposizione e questo vale per tutta Italia. Penso soprattutto alle risorse della Politica comune della pesca (Pcp) dove alcune Regioni corrono il rischio concreto di disimpegno. Questo non Ŕ pi¨ accettabile e con la prossima programmazione punteremo a fare meglio che in passato".